In città

Ieri sono andata in città con mia madre a fare la spesa. Abbiamo preso l'autobus alle nove e siamo scese davanti alla chiesa di San Pietro, vicino al centro.

C'era molta gente per cui ci abbiamo impiegato più del previsto.

Alla Posta abbiamo incontrato casualmente Maria. Era dall'inizio delle vacanze che non la vedevo ed abbiamo deciso di rivederci per pranzo dopo aver fatto la spesa.

La Mamma ha proposto di andare al nuovo ristorante self-service in centro, è stato aperto solo qualche settimana fa e mia madre voleva vedere com'era. Ci siamo messe d'accordo d'incontrarci là, ma Maria, come al solito, è arrivata con dieci minuti di ritardo, scusandosi molto.

Abbiamo preso una frittata, un'insalata e un caffè, e abbiamo chiacchierato per più di un'ora.

Avevamo molto da dirci: erano successe molte cose dal nostro ultimo incontro.

Maria ci ha lasciato un po' prima delle 14 perché durante le vacanze lavora come aiutante in biblioteca.

Dato che era una bella giornata abbiamo deciso di sederci per un po' ai giardini pubblici prima di prendere l'autobus per rientrare.

Indovina un po' cosa mi è successo? Ho lasciato l'ombrello sull'autobus, è la seconda volta che mi succede quest'anno.

Non ho il coraggio di dirlo a mio padre, si arrabbierebbe molto.

Dovrò andare all'ufficio oggetti smarriti in caso qualcuno lo abbia consegnato là.

Questo è tutto per oggi. Scrivimi presto.

Ciao,

Cinzia